Home Videosorveglianza Telecamere a scuola e università: sanzione di 10 mila euro se non...

Telecamere a scuola e università: sanzione di 10 mila euro se non si rispettano le norme previste

314

Per poter installare un sistema di videosorveglianza in un contesto scolastico è fondamentale rispettare delle regole precise. Se non è presente la segnaletica informativa corretta e in mancanza degli accordi con le rappresentanze sindacali, si rischiano sanzioni pecuniarie anche molto elevate.

Il caso di marzo 2021 all’Università di Napoli

È quanto successo all’Università Federico II di Napoli, dove un dipendente dell’istituto di fisica nucleare ha denunciato la presenza di numerose telecamere non adeguatamente segnalate e installate in modo illecito.

A seguito del reclamo e delle conseguenti procedure di ispezione, il Garante ha applicato una sanzione di 10 mila euro, per due ragioni:

  • 1. Non era stato stipulato l’accordo con i sindacati previsto dall’art. 4 della legge 20 maggio 1970, n. 300, per tutelare i diritti dei lavoratori.
  • 2. I cartelli informativi, seppur presenti, non risultavano conformi alla legge perché privi di indicazioni precise e aggiornate.

Come informare in modo corretto della presenza del sistema di videosorveglianza a scuola

Per riportare l’informativa relativa all’impianto si può utilizzare il modello presente nel sito del Garante della Privacy rispettando precisi accorgimenti:

  • – Riportare in modo completo e aggiornato le informazioni fondamentali come le indicazioni sul titolare del trattamento e sulla finalità perseguita.
  • – Collocare il cartello in un punto ben visibile e vicino all’area di riprese.
  • – Riportare in modo chiaro la zona di interesse perché non vi siano dubbi su quale sia il contesto videosorvegliato. Non è necessario, invece, rivelare la precisa ubicazione delle telecamere.
  • – Rinviare a un testo completo contenente tutti gli elementi di cui all’art. 13 del Regolamento Europeo 2016/679, specificando come e dove trovarlo (ad es. sul sito dell’istituto scolastico o dell’università).

Videosorveglianza nelle aule, quando si può: cosa dice il Garante della Privacy

Un altro aspetto fondamentale per poter essere a norma è la motivazione alla base delle riprese. Le telecamere, infatti, possono essere installate all’interno di istituti scolastici se sono indispensabili per tutelare l’edificio e i beni relativi da atti vandalici. Le riprese vanno limitate alle sole aree interessate e devono essere avvalorate da concrete esigenze di sicurezza. Sono motivi comprovati, per esempio, furti già verificatisi in passato o la presenza di beni di valore all’interno della scuola.

Telecamere negli spazi scolastici: le aree che possono essere riprese

Secondo quanto stabilito dal Garante della Privacy, le riprese negli spazi esterni possono avvenire in qualsiasi momento. Al contrario, le aree interne, come aule e corridoi, possono essere oggetto di riprese solo ed esclusivamente negli orari di chiusura al pubblico.

Comments

comments

Articolo precedenteSirena da interno incassata multifunzione
Articolo successivoIl Garante della protezione dei dati personali risponde alle domande più comuni per un sistema di videosorveglianza
Ciao! Io sono Elettrosistemi S.r.l. e sono un distributore con 20 anni di storia alle spalle. Una storia costruita con la fiducia dei suoi clienti, esperienza, evoluzione e espansione. Sono presente in tutto il Lazio con tre Punti Vendita. Forniamo assistenza allarmi, assistenza videosorveglianza, assistenza citofonia, assistenza automazioni e tanto altro. Mi puoi trovare anche sui social: Facebook, Twitter e LinkedIn. In più, ho creato questo blog per aiutarti a rimanere al passo con il nostro mondo e trovare consigli utili. Grazie per avermi scelto. Un saluto da me e tutto lo Staff Elettrosistemi S.r.l.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui