Review Category : Sai che…?

Motion Detection: Come funziona?

Una delle funzionalità più interessanti nel mondo della videosorveglianza è la capacità di rilevare un movimento: questo è ciò che fa il Motion Detection. Esistono diverse tecnologie che svolgono questo compito, dalle più economiche alle più costose. Cosa è possibile fare con il Motion Detection? Impostando una sorta di area sensibile nell’inquadratura della telecamera è possibile rilevare un movimento ed essere avvertiti tramite un pop-up (se l’applicazione lo gestisce) o più comunemente da un email. Ci sono sistemi molto evoluti che sono in grado di controllare diverse situazioni, ad esempio: Che un oggetto non venga spostato da dove si trova Che non ci siano oggetti nell’area (abbandono di una borsa) Che in una certa area non entri o esca nessuno Che nessuno entri o esca da uno o più lati dell’area circoscritta …e tanto altro! Nei casi indicati non parliamo solo di Motion Detection ma anche di Videoanalisi con l’integrazione ...

Leggi tutto →

Telecamere che registrano con Micro SD: vantaggi, svantaggi e differenze

Come visto in altri articoli (Come realizzare un sistema di videosorveglianza efficiente) esiste una sorta di filosofia per progettare un sistema di videosorveglianza e con il tempo questa filosofia si è evoluta con lo scopo di migliorare l’elasticità e/o le performance del sistema (basti pensare al PoE o al POC). Negli ultimi tempi la richiesta da parte dei consumatori è stata quella di avere un sistema di videosorveglianza a costi contenuti e composto da una telecamera raggiungibile dal Cloud. La risposta a questa richiesta non si è fatta attendere, tanto che oggi sono sul mercato le telecamere che registrano tramite l’utilizzo di una Micro SD. Come funzionano? A prescindere dalla marca o dal modello, generalmente queste telecamere funzionano quasi tutte allo stesso modo. Trovata la posizione che si preferisce, la telecamera viene alimentata, connessa a internet e provvista della famosa Micro SD per la memorizzazione. La configurazione con il cloud ...

Leggi tutto →

Novità normativa cavi – AICE

Secondo l’Istat, nel solo ambito domestico, ogni anno in Italia si verificano circa 4 milioni di incidenti, di cui 241 mila imputabili a cause elettriche. I cavi elettrici sono raramente la causa di un incendio, ma quando vi sono coinvolti possono costituire un elemento di grave pericolo in ragione della loro elevata quantità e della loro diffusione in tutti gli ambienti dell’edificio. La Commissione Europea ha deciso di considerare per i cavi la: Reazione al Fuoco e la Resistenza al Fuoco, riconoscendo l’importanza del loro comportamento al fuoco ed il loro ruolo in caso di incendio. Anche il rilascio di sostanze nocive è tra le prestazioni ritenute rilevanti per i cavi (anche se al momento non sono stati stabiliti livelli minimi di prestazioni in quanto i cavi nel loro normale utilizzo non rilasciano sostanze nocive). I cavi sono classificati in 7 classi di Reazione al Fuoco: Aca, B1ca, B2ca, Cca, ...

Leggi tutto →

Antifurto al top! Quello che devi controllare prima di partire

Finalmente tempo di vacanza! Sono convinto che hai pianificato al meglio i tuoi giorni di relax e per goderteli a pieno assicurati che la tua abitazione sia al sicuro per non trovare spiacevoli sorprese al ritorno. Ecco a te 5 consigli utili su come assicurarsi che l’impianto funzioni correttamente: Scheda SIM: l’unico modo per essere avvisati di un eventuale allarme è proprio grazie alla presenza di una SIM all’interno del sistema. Assicurati che non sia scaduta e che abbia credito al suo interno. Sistema di Backup: se il tuo sistema è filare avrai sicuramente delle batterie che entrano in funzione quando la corrente è assente. Il modo più rapido per testare l’effettiva efficienza delle batterie è togliere l’alimentazione all’abitazione per circa 5-10 minuti. Se rimane tutto acceso allora le batterie non presentano problemi o per lo meno non problemi gravi. Se invece la sirena inizia a suonare o peggio ancora, ...

Leggi tutto →

A cosa serve una sirena da interno? Dove installare la sirena da interno

In molti sottovalutano l’importanza di una sirena da interno. A differenza della sirena da esterno (clicca qui per leggere “Tecniche per posizionare una sirena da esterno”) non è essenziale avere una sirena antischiuma o avere una sirena con il modulo antiavvicinamento, perché? La vera funzione di una sirena da interno è agire in modo psicologico sul maleintenzionato, nello specifico: emettere un suono potente e fastidioso per creare disorientamento, per poi mettere in fuga il ladro. Vediamo di seguito 5 consigli utili su come installare una sirena da interno: non installare la sirena vicino alla centrale; il maleintenzionato potrebbe cercarla per spegnerla e in questo modo lo avrai condotto al “cuore” del sistema. posiziona la sirena in un punto nascosto; in tal modo il ladro dovrà cercare la sirena per poi rinunciare e darsi alla fuga. installa la sirena in un punto risonante; così facendo il ladro non capisce da quale punto arriva ...

Leggi tutto →

Estate: la stagione preferita dai ladri

I dati parlano chiaro: 230 mila furti in abitazione molti dei quali avvengono nel periodo estivo. Tantissimi sono stati i casi di persone che al ritorno da una bella e rilassante vacanza si sono trovate ad assistere a una scena raccapricciante. Si sono trovate la casa completamente sottosopra: cassetti aperti, vestiti ovunque, vetri rotti…mila e mila euro di danni. Non tutte le denunce portano ad un risultato perché il più delle volte non ci sono testimoni dell’accaduto. Come proteggersi? La soluzione migliore è puntare a installare un buon sistema di sicurezza che sia collegato alle Forze dell’Ordine. Se non hai ancora chiamato un tecnico è ora di farlo! L’installazione di un sistema di sicurezza richiede uno studio e una progettazione accurata. Ti sconsiglio di addentrarti nel fai da te o in sistemi/tecnici non professionali. Di seguito ti riporto alcuni articoli utili: Come scegliere il miglior antifurto wireless per la casa <– clicca qui ...

Leggi tutto →

Tecniche per posizionare una sirena da esterno

Nell’articolo “Come scegliere una sirena da esterno e quali sono le differenze” abbiamo visto le differenze tecnologiche tra le varie sirene; ma effettivamente è opportuno prendere la sirena più performante? Sicuramente optare per una sirena “top gamma” con il modulo anti-avvicinamento porta i suoi vantaggi ma tutto è rapportato al costo. Quindi vediamo quando usare un tipo di sirena e dove posizionarla. Possiamo considerare la scelta della sirena in base al tipo di abitazione. Se abiti in un appartamento probabilmente non hai molto spazio fuori. Con questo intendo che probabilmente installerai una sola sirena e la scelta migliore ricade in una sirena con il modulo anti-avvicinamento. L’ipotesi è che il ladro si introduca nell’abitazione tramite il balcone e quindi, usando la sirena consigliata, si previene fin da subito il furto. Se invece possiedi una casa di medie dimensioni o una villa allora è opportuno agire nel modo seguente: Installare più di ...

Leggi tutto →

Come scegliere una sirena da esterno e quali sono le differenze

In un sistema di sicurezza non si trascura nulla, tanto meno le sirene. Questi dispositivi acustici giocano dei ruoli fondamentali: intimidire alcuni malintenzionati, allertare (tramite l’allarme) chi è intorno a noi e magari mettere in fuga il ladro. Ricorda che i ladri sono “prevenuti” e in alcuni casi riescono ad aggirare le sirene per poi agire indisturbati. Nel seguito dell’articolo vedremo le varie tecnologie delle sirene e come vengono aggirate. La sirena, in generale, viene controllata e comandata dalla centrale (ci sono dei casi in cui la sirena presenta una sua logica di funzionamento ma in questo articolo non parleremo di ciò). La “classica” sirena, tipicamente chiamata sirena auto-alimentata, presenta una batteria interna, che gli permette di funzionare anche in caso di assenza corrente, e un tamper, che gli permette di proteggerne l’apertura. In questo caso il ladro per aggirare la sirena usa una comune scatola da scarpe con della schiuma ...

Leggi tutto →

Allarmi continui di manomissione? Ecco la soluzione!

Uno dei maggiori problemi che possiamo trovare su un sistema di sicurezza è il famoso allarme di manomissione o sabotaggio. Le cause che possono far scaturire questo tipo di allarme sono molteplici: chiusura scorretta dell’apparecchio calibrazione errata del tamper (componente che verifica l’effettiva chiusura del dispositivo) errato serraggio delle resistenze nella morsettiera del dispositivo deterioramento della plastica dovuta alla continua esposizione al sole Non è possibile risolvere questo problema digitando il codice o disattivando l’allarme tramite gli appositi organi di comando. E’ un allarme che può presentarsi anche ad impianto spento (perché un malintenzionato potrebbe manomettere i dispositivi in qualunque momento) e l’unico modo per “tamponare” momentaneamente è usare un’apposita procedura che trovi sul manuale utente o che puoi richiedere al tuo tecnico. Per non incontrare questi tipi di problemi richiedi al tuo tecnico una manutenzione periodica del sistema in modo da monitorare l’impianto e di prevenire problematiche scomode 😉 ...

Leggi tutto →

Ecco il classico difetto di un sistema di videosorveglianza

La videosorveglianza va a complemento dei sistemi di sicurezza. Con il tempo ha preso piede fino ad occupare angoli di grandi città. Dal 2013 la richiesta di sistemi di videosorveglianza è notevolmente aumentata, addirittura quadruplicata, secondo Anie-Confindustria. Ad oggi reperire un sistema di videosorveglianza è facilissimo, basta andare su Ebay e scrivere “kit telecamere”. Con circa 100-150€ si acquista un sistema di videosorveglianza e con poche decine di euro in più si possono aggiungere dei cavi già provvisti di connettore. L’acquirente, entusiasta, completa il suo acquisto e firma la sua condanna. Perché? Aggirare questi sistemi è molto facile, basta staccare la corrente dal contatore. Pensi che un ladro non sia in grado di fare queste cose? Questi prodotti non presentano un sistema di backup. Hai messo un UPS? Un UPS non dura come un sistema di backup e non ha neanche le stesse accortezze. Se l’UPS fosse collegato solo al videoregistratore, in assenza ...

Leggi tutto →